L’edificio occupato storicamente dalla Campari nel cuore di Milano, di proprietà Morgan Stanley richiedeva una decontaminazione da amianto e ristrutturazione massiccia per poter essere riposizionato sul mercato, data la posizione strategica.

L’intento progettuale è stato quello di mantenere la struttura in acciaio esistente che caratterizzava fortemente l’edificio, reinterpretando la facciata esterna con un gioco di nuove specchiature vetrate traslucide e trasparenti che ne dessero un’impronta contemporanea. La zona reception al piano strada è stata trattata come una boutique d’alta moda, data anche la vicinanza con il quadrilatero della moda milanese. Si sono impiegati quindi cielini luminosi e pavimentazione lapidee chiare, che delimitassero il patio interno che ospitava dei camminamenti verso le tre diverse ali dell’edificio.

Per l’intero edificio è stata poi proposta la certificazione LEED, per renderlo appetibile sul mercato immobiliare, sempre più alla ricerca di edifici sostenibili.

This premise, historically occupied by Campari, in the heart of Milano, is one of Morgan Stanley’s properties. The building required the removal of the asbestos and a massive renovation project in order to be repositioned on the real estate market, also given its strategic location.

The design’s intent was to maintain the existing steel structure which strongly characterizes the building, and to add a new facade made by both transparent and translucent glass panels in order to confer a more contemporary image to the building. The reception area, at street level, has been modernized as a luxury boutique, after Milano’s fashion district very close to the building’s area. Bright ceilings and clear stone floorings define the internal patio that lead to the three different wings of the building.

The building has already applied for a LEED protocol, thus to increase its value on the real estate market which is requiring sustainable buildings.

Project type
Client
Location
Milano
Dimension
m2 9000
Date
2009
Status
Competition